Terra dei fuochi. Fra potenza comune e rappresentanza: Possibilità e marcescenze

Il titolo è redazionale, quello originale è: “Ecco perchè il decreto sulla terra dei fuochi è del tutto insufficiente. di Antonio Musella da http://www.globalproject.info Portare 100mila persone in piazza, senza le grandi risorse delle organizzazioni sindacali o dei partiti non è semplice. La piazza del 16 novembre scorso a Napoli, quel fiume in piena che gridava stop al biocidio, è forse … Continue reading

Salernitana – Nocerina: E noi non possiamo che essere dalla parte degli ultras

Il titolo originale è “Tecniche di repressione e fabbricazione del nemico comune: La criminalizzazione del tifo organizzato.” da Militant-blog.org Le vicende del derby campano fra Salernitana e Nocerina confermano la lettura che da anni diamo sul fenomeno ultras come terreno di sperimentazione di nuove tecniche di controllo da estendere al resto della popolazione. Un vero laboratorio della repressione, che nel corso degli … Continue reading

Ultras Salernitana & Nocerina: Contro il calcio moderno

10.11.2013. Salerno vs Nocerina, Il punto di vista dei WildGroupSalernitana La verità vera oltre il mainstream su un giorno di lotta degna, ribelle e giusta degli ultras salernitani e nocerini uniti contro il calcio moderno. L’ infamia della tessera del tifoso e di una rappresentanza istituzionale che è oramai in piena marciscenza non sapendo governare più nemmeno un evento sportivo. … Continue reading

Questo mare è il nostro mare

 di “Giù le mani dal porticciolo” In questa Italia dove tutto sembra sempre fermo, marcio e puzzolente, si ha sempre l’impressione che chi pronuncia parole di riscatto sia destinato a fare la fine di Giordano Bruno. O peggio: che sia destinato all’indifferenza. Anche geologicamente il mondo ci appare fermo e immutabile, ma sotto la crosta ribolle, si muove, è caotico. … Continue reading

Lunga vita e prosperità a Sara, Celeste, Raffaele, Giovanni, Massimo e Rafael

Sono tornati in libertà gli arrestati del 19o. La montatura mainstreampoliticapoliziesca non ha retto più di tre giorni. Il potere con questi arresti ha cercato di imporre lo spettacolo di uno stato e di una governance che, ancora, controllano e gestiscono qualcosa nell’interesse di tutti e non di una classe. Di uno stato e di una governance che ancora possono … Continue reading

A’ vampa ru’ puorticciul

I preparativi … l’accensione … la fiamma … il calore … il rito propiziatorio …  il rogo dei progetti del porto … un articolo … un video. 21 gennaio 2013 … perchè “non si tratta di conservare il passato, ma di realizzare le sue speranze” (Theodor W. Adorno). Quelle di un porticciolo mantenuto sempre all’altezza dei tempi, bello, vivibile, fruibile e … Continue reading

Frequentate la “Scola” sudalterna

Quest’anno che verrà i salernitani, e non solo, avranno una nuova scuola. E’ una scuola atipica. Fuori dai canoni. Non costa nulla frequentarla. Non ha orari. Si viene e si va quando si vuole. E non dà lezioni a nessuno. Eppure è una struttura dove si impara e si insegna a chi vuole imparare ed insegnare. E’ senza cattedre e banchi … Continue reading

A San Nicola Varco si tratta di repressione e di lotta di classe e non di razzismo.

La repressione inumana che ha colpito San Nicola Varco è invisibile ai più. Nessuno vede che quasi un migliaio di lavoratori stanno pagando con la vita, il freddo, la fame, il degrado fisico, psichico e morale. L’ipnosi mediatica ci rende sempre più incapaci di vedere quello che succede intorno a noi. Bombardati dalle iperinformazioni della sfera comunicativa siamo capaci di sapere … Continue reading

Giù le mani dal porticciolo: E’ nata la canzone

Il movimento del porticciolo di Pastena ha prodotto una canzone. E’ “La pizzica del porticciolo”. Gli attivisti di questo  movimento sono gli autori, i compositori, i cantanti ed i musicisti del pezzo. E quando nei movimenti di lotta cominciano a nascere le canzoni significa che si è raggiunto un buon livello di intervento sociale e di organizzazione. E’ segno che … Continue reading

Orizzonti meridiani. L’esodo dalla crescita

di Franco Piperno. Una riflessione sul cenacolo del Matese. La crescita economica come “ragione d’essere” della società capitalistica è un idolo pubblico relativamente recente; infatti, è venuto diffondendosi nell’opinione dopo la crisi del 29, con l’affermarsi della politica economica di tipo keynesiano e del contemporaneo emergere del PIL come misura dell’accumulazione capitalistica. Proprio perché in quegli anni la crisi capitalistica … Continue reading