Quell’accusa di terrorismo

terrorismo

di Giorgio Agamben da Repubblica Il processo contro quattro imputati per condotte e atti di terrorismo che sta per iniziare a Torino nel carcere delle Vallette è un’occasione per riflettere sul processo di grave involuzione del diritto e delle istituzioni che è seguito all’attentato dell’11 settembre 2001. È ormai evidente che il reato di terrorismo, definito nel modo più generico … Continue reading

La paura della galera e la galera della paura

santainquisizione1

Pubblichiamo con piacere una lettere di Mattia, prigioniero No Tav, per la forza ed il coraggio che esprime questo compagno. La brutalità delle condizioni di vita e l’assurdità delle imputazioni medioevali, da santa inquisizione, a cui è sottoposto non lo hanno piegato, riesce ancora a pigliarsi la libertà di essere ironico. La paura della galera non ci imporrà mai la … Continue reading

No Tav. Il comunicato dei 53 imputati per gli scontri dell’estate 2011

lavallenonvivuole

Proclami letti ad alta voce. Bandiere in aula. Slogan urlati e cantati, grida e insulti al pubblico ministero e alla corte. Infine, un corteo cadenzato da «Tutti liberi, tutte libere», che ha portato imputati e pubblico fuori dall’aula, per raggiungere la meta successiva della protesta: il cantiere della Tav di Chiomonte. Sono stati 30 minuti di ordinaria anarchia quelli che … Continue reading

No Tav. Bullismo. Il carabiniere e la bambina

bambinaesoldato

da  http://www.autistici.org/spintadalbass/?p=1013 Scuola media di un paese della bassa Valle di Susa. Una mattina come tante: campanella, tutti in classe, e mentre si chiacchera arriva il prof: “Oggi niente lezione, si va in palestra ad ascoltare l’arma dei carabinieri” E così ci si “intruppa” e si prende posto. Il carabiniere relatore spiega nei dettagli quanto bene fanno alla popolazione, spiega … Continue reading

Lettera di Chiara, prigioniera No Tav

notavbinari1

Dalla pagina dei 99 Posse di fb Carcere delle Vallette, 20 gennaio 2014 Se potessi scegliere mi troverei proprio dove sono. Tra i sentieri della Valle, per le vie di Torino, con i miei compagni o specchiandomi negli occhi di donne e uomini sconosciuti, imparando ad ascoltare, scegliendo di aspettare, correndo più veloce. Mi troverei dove si scopre il sapore dolce … Continue reading

Sabotaggio. Quando la memoria aiuta

sabotaggio

di Erri De Luca dal Manifesto.Sabotaggio della linea ferroviaria Borgomanero – Santhià nei pressi di Cureggio (Novara). 1945 Uno storico ufficiale, stipendiato per trasmettere storia, che trascura i fatti a beneficio di una sua tesi, commette omissione in atti di suo ufficio. Stabilito questo, non sono uno storico ma ho il vantaggio di avere buona memoria. Negli anni ’70 ho fatto parte … Continue reading

No Tav. Forgi e Paolo due di noi, resistere è giusto!

campeggionotav

Un momento di studio al campeggio No Tav Agosto 2013: la devastazione della Val di Susa continua. Il governo Letta (PD-PDL) fa finta di litigare,ma rimane unito nelle sue decisioni contro il paese e si accoda ad una nuova inutile guerra al seguito degli Stati Uniti. Notizia degli ultimi giorni: il Ministero dell’Università e della Ricerca metterà 500 milioni di … Continue reading

Lunga vita alla gloriosa recomune della Valle

notave

NoTav(e) che violano il cantiere a Chiomonte Squarci di libertà. Varchi di luce. Potenza comune contro poteri colonizzanti. Poesia pratica e insurrezione biopolitica, arte vivente. Irrefrenabili da vent’anni. Nella Valle è stata fondata, si è strutturata, agisce, vive, produce e si riproduce una nuova istituzione. Una istituzione che ha superato il falso antagonismo fra pubblico e privato. Una istituzione fondata … Continue reading

11 aprile 2012. No Tav a Salerno

sa no tav

dott. nessuno 13 aprile 2012 Verso le 18,30 di ieri una cinquantina di attivisti rispondendo all’appello della Valle che resiste si sono ritrovati nell’atrio della stazione di Salerno. Riempiendolo. Si sono incrociati con i viaggiatori sopratutto pendolari che hanno accettato volentieri i volantini offerti dai Notav salernitani accompagnandoli con slogan. Intanto si affiggevano davanti alla stazione, nell’atrio e sul primo … Continue reading