Odio il capodanno

di Antonio Gramsci, il 1° Gennaio 1916 su l’Avanti!, edizione torinese, rubrica “Sotto la Mole”. Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno. Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo … Continue reading