Un pensiero ai ribelli di Genova

cartolinam

Una cartolina spedita ad Alberto, uno dei dieci condannati di Genova,  trasferito dal carcere di Roma, la sua città, dove abitava a quello di Perugia. Per allontanarlo da parenti, amici e compagni? Muri e sbarre non ti rinchiuderanno. Da Salerno con amore e rabbia. Rosario, Maurizio, Giovannello, Pasquale, Luciano, Antonio, Giancarlo, Michele, Peppe,  Ciro, Massimo. Si sono aggiunti dopo la scannerizzazione … Continue reading

A Sala Consilina si rende onore a Gaetano Bresci

sala

Per due giorni è resistita la nuova intitolazione della Piazza Umberto I a Sala Consilina. Ignoti con un accurato lavoro di restyling hanno prima coperto il nome del tiranno imbiancando la targa della piazza e poi hanno “stencillato”  il nome di Gaetano Bresci, l’anarchico che uccise a Monza il re, il 29 luglio del 1900, fra due A cerchiate. E … Continue reading

Tunisia. Rivolte ad El Hencha

tunisia-revolt

Il 20 agosto, ad El Hencha grosso paese nel protettoraro di Sfax, seconda città tunisina, i fondamentalisti erano in riunione con l’agenzia governativa. Volevano spartirsi i fondi nazionali per l’agricoltura. E gestirli elettoralmente nelle prossime elezioni a Marzo. La riunione era segreta perchè si trattava di cosa grossa in quanto El Hencha è una città prevalentemente agricola. Ma ad un … Continue reading

Libri. Vento del meriggio. Franco Piperno. Derive e approdi, 2008

vento meridiano

Vento del meriggio. Insorgenze e postmodernità nel Mezzogiorno. “Come un’ illegittima cometa / nel cielo sgombro d’astri” (Pushkin) 1. Il “pensiero meridiano” I cinque saggi raccolti in questo volume si distendono su una costellazione di luoghi che attraversano buonaparte del Mezzogiorno continentale su un orizzonte temporale decennale. Da una parte, sono arbitrari segnatempo che alludono alla ricostruzione, dall’interno, di ciò che … Continue reading

Il sangue di Renato, il nazista e le vetrine di Genova

vetrine42

In questi giorni sono state emesse quasi contemporanee tre sentenze. La prima riguarda Breivik, il nazista norvegese massacratore di 77 persone, che è stato condannato a 21 anni di galera. La seconda è per l’assassino di Renato Biagetti, ucciso dai fascisti a fine agosto del 2006, in un agguato mentre rincasava a Roma, massacrato con otto coltellate, che ha preso … Continue reading

Ad Oliveto Citra una seconda Acerra?

terme

Titolo originale: “L’inceneritore del silenzio: nel salernitano un impianto a biomasse che smaltisce rifiuti pericolosi” di Maria Melania Barone, da you-ng.it Tra procedure irregolari e il silenzio generale avanza la Tortora Vittorio srl. Oliveto Citra si appresta ad accogliere una seconda Acerra col benestare della Regione. OLIVETO CITRA – “Laddove non riescono gli enti pubblici, riescono con tutta comodità  i privati”. … Continue reading

Grillo-Bersani. Ricomincia il rincretinimento elettorale

Sta finendo l’estate e si ricomincia col rincretinimento elettorale. La polemica Grillo – Bersani è una cosa politicista. Appassionarsi a questi dibattiti è stupido. Sei uno zombi. No, tu sei un fascista. Gridano sulle nostre teste occupando l’etere e l’infosfera per ricondurci nella rappresentanza. Ma la rappresentanza è oramai marciscente. Non ha piu’ nessuna capacità di trasformazione e guida politica. … Continue reading

Salerno. Risse fra banlieues al centro

rissa (1)

Una epidemia di risse sabato notte ha contagiato il centro di Salerno. Sembrava di stare ad Amiens, città francese teatro di una rivolta di banlieues, la settimana scorsa. L’epidemia si è diffusa verso l’una di notte con l’esplosione della prima rissa sul lungomare Trieste fra giovanissimi della banlieue del centro storico e quelle della zona orientale. La strada è stata … Continue reading

Londra. Sotto la ribalta delle Olimpiadi, la polvere delle fiamme dell’anno scorso

londra1

Oggi Londra nasconde sotto la ribalta delle Olimpiadi tutte le contraddizioni che l’anno scorso la incendiarono. Sembra che nulla possa offuscare l’ordine del capitale. Ma anche l’anno prima dei tumulti tutto sembrava tranquillo. La city e l’aplomb inglese sembravano eterni. Poi, improvvisamente, in modo anonimo e tremendo, le polveri presero fuoco. E questi continuano a nascondere ancora la polvere… che … Continue reading