Bastian Contrari. Secondo “sequestro preventivo”. Non ci fermerete!

bc1

di Bastian Contrari Dopo il sequestro della villa,oggi pomeriggio è arrivato anche quello per il capannone, ma noi RESISTIAMO IN GIARDINO Vergogna! Bastian Contrari è un collettivo  di artisti, artigiani, agricoltori, laureati, disoccupati, sottoccupati, famiglie, tutti precari senza futuro. Rivendichiamo i beni comuni, la libertà di espressione e il rispetto dei diritti umani, adottando l’autogestione e l’autoproduzione come unica alternativa concreta … Continue reading

Per ricostruire il “Cartella”

CARTELLA

di Claudio Dionesalvi. REGGIO CALABRIA, migliaia in corteo per ricostruire il Cartella distrutto da un incendio doloso. Appello a chi è ancora capace di indignarsi. Migliaia di persone sono scese in piazza a Gallico, vicino Reggio Calabria, per la rinascita del centro sociale “Cartella” incendiato nella notte dello scorso 15 maggio da mani ignote e vigliacche. Una manifestazione colorata, ma … Continue reading

Istruzioni per terremotati da chi ha imparato sulla propria pelle

3,32

del 3.32 de L’Aquila. DECALOGO DEL TERREMOTATO CONSAPEVOLE 1) Non disperdetevi come comunità e non fatevi mettere gli uni contro gli altri; 2) Restate in sicurezza, ma non lasciatevi allontanare dalle vostre case e dalle vostre proprietà; 3) Non fatevi rinchiudere in campi recintati con la scusa di essere protetti; 4) Mantenete la vostra consapevolezza e autonomia; 5) Vi convinceranno che non siete autosufficienti … Continue reading

L’evento di fb per un soccorso comune per i tartassati da Disequitalia muore di virtuale.

monti tasse

Questo evento finisce il 31. E non avrà una continuità pratica. Nasce e muore in virtualità. Eventi reali lo hanno fatto rimanere un’idea. L’avvocato e la difesa legale di Luigi Martinelli è stata garantita dalla Lega Nord. La lettera di minaccia della F.A.I spedita a Disequitalia di Salerno con le sue conseguenze come il presidio permanente dell’ agenzia locale con … Continue reading

Potermi sentire libero e orgoglioso di quello che sono diventato

gay pride salerno

di Francy Calderone Petolicchio … guardo questa foto e la mia espressione e capisco che… ieri 26 maggio 2012… resterà una data impressa nella mia mente… sarà indelebile… il mio sogno è diventato realtà: “Potermi sentire libero & Orgoglioso di quello che SONO restando nella mia città… in mezzo ai miei amici… in mezzo ai miei affetti…in mezzo a sorrisi di … Continue reading

Crisi vintage

no-ai-sacrifici.jpg

Una manifestazioni contro la crisi negli anni settanta a Salerno. Il click è all’altezza del tribunale. Al corso. Oggi i/le giovanotti/e ritratte sono rispettabili signori/e sessantenni. Hanno avuto una bella gioventù. Se la caveranno nella vecchiaia?  

Brescia: 38 anni dopo la strage, lo stato condanna i familiari delle vittime

loggia_strage_giornale--400x300

I familiari delle vittime della carneficina a Piazza Della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974 del sono state condannate al pagamento delle spese giudiziarie. Un bel modo per ricordare: Giulietta Banzi Bazoli, anni 34, insegnante;  Livia Bottardi Milani, anni 32, insegnante; Euplo Natali, anni 69, pensionato; Luigi Pinto, anni 25, insegnante: Bartolomeo Talenti, anni 56, operaio; Alberto Trebeschi, anni … Continue reading

Pontecagnano ha vinto. Ha cancellato la centrale termoelettrica

ponte

Pontecagnano, 26 ottobre 2010 Pontecagnano, città in provincia di Salerno, ha vinto. Ha cancellato dal suo territorio la centrale termoelettrica. L’ha fatta inghiottire ai porci politici e ai loro amici di rappresentanza che volevano accumulare fortune e potere sull’aria e sul sangue di questa città. I parassiti politici ed il comitato d’affari del termoelettrico le hanno prese di santa ragione. Fanno … Continue reading

Nicola, Leonardo, Tarik e Gerardo sono morti due volte. Una per il terremoto, un’altra per il lavoro

tempo

Gli operai ceramisti Tarik Nauch, di 29 anni, Nicola Cavicchi, 35 anni, Leonardo Ansaloni, 45 anni e Gerardo Cesaro, 57 anni, sono gli operai morti sotto le macerie dei capannoni in cui lavoravano nell’ultimo terremoto. Sono morti due volte. Una volta per il terremoto, una volta per il lavoro.