11 aprile 2012. No Tav a Salerno

dott. nessuno 13 aprile 2012

Verso le 18,30 di ieri una cinquantina di attivisti rispondendo all’appello della Valle che resiste si sono ritrovati nell’atrio della stazione di Salerno. Riempiendolo.

Si sono incrociati con i viaggiatori sopratutto pendolari che hanno accettato volentieri i volantini offerti dai Notav salernitani accompagnandoli con slogan.

Intanto si affiggevano davanti alla stazione, nell’atrio e sul primo binario striscioni e manifesti.

Comincia anche lo spikeraggio. Si parla della solidarietà alla lotta Notav e della grossa manifestazione della mattinata degli operai del CSTP, l’azienda dei trasporti pubblici salernitana, ferma da giorni per l’avvio della procedura straordinaria di liquidazione. Infatti di concerto fra loro di loro Comune, Provincia e Regione non hanno ricapitalizzato l’azienda. Alla manifestazione del CSPT hanno partecipato in massa gli studenti delle scuole e delle università della città che sono appiedati da giorni.

Nell’atrio e sul primo binario intanto si denuncia anche la chiusura della sala di attesa di seconda classe della stazione fatta per impedire ai senza tetto di ripararsi dal freddo invernale con la scusa di una fantomatica ristrutturazione che non comincia mai.

Sono stati distribuiti centinaia di volantini e fatti diversi interventi.

La gente che aveva tempo per il treno si è fermata ad ascoltare, a leggere i volantini e a discutere con i militanti. Gli altri hanno preso i fogli di corsa per leggerli in viaggio.

La lotta della Valle che non si arrende è stata accolta con simpatia e benevolenza anche a Salerno perchè esempio di dignità ribelle e alternativa politica al sistema dei partiti e della rappresentanza.